Libri pubblicati

Silenzio.

solitudine, silenzioOggi per gli antichi romani si celebrava la festa ‘Angeronalia’ dedicata alla Dea del silenzio (o anche dei piaceri) Angerona.
Essa è considerata anche guaritrice delle malattie cardiache preservando il cuore stesso dal dolore e dalla tristezza.
Viene raffigurata con l’indice della mano destra sulle labbra chiuse.
Ciò mi ha dato lo spunto per scrivere questo post sul silenzio.
Ormai viviamo con un perenne sottofondo artificiale anche quando non lo desideriamo, anche se non ne abbiamo più nemmeno consapevolezza.
Oso di più : il silenzio ci inquieta (non ci siamo talmente più abituati che spesso lo definiamo irreale) e ci spaventa.
Il motivo è che con il silenzio ci troviamo difronte solo a noi stessi e questo è disturbante.
Eppure il silenzio è nostro grande amico.
Controllare la nostra voglia di intervenire a tutti i costi, di essere sempre nei discorsi a essere in grado di non parlare quando non abbiamo niente da dire è una grande arma.
Il silenzio può essere una risposta forte ed eloquente.
Il silenzio può ferire o può guarire, può accompagnare o può allontanare, può uccidere o può far rinascere, può essere un dono o un veleno.
Le parole non esisterebbero senza il silenzio che fa loro da sfondo, e il silenzio non esisterebbe senza che le parole ne rivelassero l'esistenza con la loro assenza proprio come le ombre esistono poiché la luce le rivela.
Vi è un grande insegnamento del Cristo che va proprio in tal direzione : 
“Dite Si / No, il di più viene dal maligno”
Il silenzio in esoterismo (ma non solo, direi) è una componente importante.
Solo nel silenzio possiamo ottenere la giusta concentrazione e la giusta energia per le nostre opere, solo nel silenzio riusciamo a focalizzare i nostri ‘Telos’ (obbiettivi) e discernere la pratica e le strategie per portarli a compimento.
Cercare ed esercitare il silenzio significa (come dice Duccio Demetrio) provare esperienze estetiche e creative intense, armonizzare le nostre vite.
In questo periodo dedicato alle ferie cercate di prendervi del tempo per esercitare il silenzio rimanendo solo con voi stessi e null'altro: ne ottenerete un’energia personale positiva e potente.