Libri pubblicati

Ratzinger salva la chiesa!!


Mi occupo di esoterismo e mi piace scriverne, dovrei trovarmi per il sentire comune fuori dal mondo cattolico.
Ed invece no. 
Se apriamo il vocabolario ed andiamo a vedere il significato della parola esoterismo troveremmo questa definizione:
 “Qualsiasi orientamento spirituale, rito, dottrina e conoscenza riservato a pochi eletti, da non diffondere pubblicamente.” 
Cosa c’è di più esoterico di alcune parti della liturgia o del credo cattolico?
Ho l’età, ormai, dei vecchi saggi (magari senza realmente esserlo) e mi piange il cuore vedere quello che ritengo la mia chiesa in questo stato. 
Amo la potenza e il profondo significato spirituale della liturgia.
La chiesa deve essere coerente con il proprio predicare e non svendersi alla presunta modernità svuotandosi del suo fondamento : Cristo e il mistero eucaristico. 
Si, parlo e scrivo di magia esoterica e parlo e scrivo come un cattolico radicale, ma non vi deve sembrare essere in contrasto questo, anzi. 
Magia bianca e nera non rinnegano il Cristo intellettualmente, ne cercano in qualche modo eretico la prima i favori e la seconda la ribellione ma non la negazione dell’esistenza stessa del Cristo uomo e Dio. 
In questi tempi moderni la chiesa sta attraversando una fase distopica pericolosa per la sua stessa esistenza. 
Sono un peccatore (e forse anche senza possibilità di redenzione) perché da sempre compio il peccato originale di voler conoscere e far conoscere ma anch’io mi associo al grido di dolore del Patriarca greco bizantino Elia: 
 Ratzinger salva la chiesa!! 

 Vi cito un piccolo estratto  della lettera che il patriarca Elia ha scritto al Vescovo di Roma Francesco I.
 "Stimato ex papa Benedetto XVI, il Patriarcato cattolico bizantino si rivolge a voi con una richiesta, il cui scopo è il ripristino della Chiesa.
Riguarda principalmente la questione del Concilio Vaticano II e i suoi frutti che oggi stiamo raccogliendo.
Nella vostra intervista a Messori, diciannove anni dopo il Concilio, avete presentato alcune opinioni critiche sul Concilio e sullo spirito post-conciliare.
Quando avete parlato con Messori 34 anni fa, i frutti delle eresie nascoste non erano ancora pienamente visibili.
Nonostante ciò avete mostrato le terribili statistiche sull’apostasia in Canada causate dal Vaticano II. Avete ammesso che dopo il Concilio divenne la regola che solo colui che aveva atteggiamenti liberali poteva essere scelto come vescovo.
Avete criticato il cosiddetto nuovo Magistero degli esegeti liberali. Vi siete anche stupito di quanto i teologi sapessero usare un metodo dialettico per presentare un significato opposto dei documenti della Chiesa come la loro vera interpretazione.
Inoltre, avete sottolineato l’apertura acritica al mondo che ha messo da parte la croce di Cristo.
In questa situazione, è necessario tracciare le radici dell’attuale stato disastroso della Chiesa.
Qual è la soluzione? Vero pentimento!
Come volete stare davanti al tribunale di Dio senza il vero pentimento? Gesù dice anche a Voi: “Se non vi convertirete, perirete!” (Lc 13, 3) "