Libri pubblicati

Non giudicare


Ricomincio a scrivere dopo un po’ di pausa e riflessione.
Nel primo post di questo blog vi ho annunciato che sarà un blog più personale e questo primo articolo che vi propongo va proprio in questa direzione.
Mi sono imbattuto in questa meravigliosa e significativa storiella che colpisce il cuore ho pensato che poteva essere il modo migliore per cominciare a scrivere su questo blog.
Parla dell’importanza del non giudicare a priori, senza conoscere e contiene un bellissimo insegnamento.
L’esoterismo e l’occulto sono considerati dai più solo ciarlataneria o un modo più o meno furbo per ‘fregare’ il prossimo approfittandone della credulità e della fragilità dei momenti difficili della vita.
Questo è un giudizio dato senza conoscere.
Parleremo del significato di occulto ed esoterismo nei post a venire.

* * *

Vi era nel mercato di Bagdad un vecchio venditore di palloncini, da molti anni vendeva i suoi palloncini tutti colorati e tutti lo conoscevano bene, per la sua bella barba bianca, sempre curata, e per i modi affabili.Con l’età il mercante aveva perso la vista ed i clienti lo sapevano, così capitava che ogni tanto qualcuno lo pagava con monete fasulle.Il mercante sapeva dell’inganno, riusciva a percepire con il tatto o con il suono che faceva quando cadeva in mezzo alle altre se la moneta era vera o fasulla, ma egli non diceva nulla.Quando tornava a casa la sera nelle sue preghiere chiedeva a Dio di perdonare coloro che lo avevano truffato.Egli diceva a se stesso nella preghiera: «Signore, forse essi sono poveri e desiderano comprare uno dei miei palloncini per i loro bambini.» Passò del tempo ed il mercante un giorno morì. Giunto che fu alla porta del Paradiso, egli inizio a pregare così: «Signore, io sono un peccatore. Nella mia vita ho fatto molte cose sbagliate. Io non sono meglio delle monete fasulle che mi davano quando vendevo i miei palloncini colorati. Perdonami o mio Dio!» In quel preciso momento la pesante porta si aprì ed una Voce disse: «Che cosa dovrei perdonarti, figlio mio? Come potrei giudicare qualcuno che non ha mai giudicato nessuno durante tutta la sua vita? Entra figlio mio ed abbracciami.»